Non solo ditalini: massaggi vulva-vagina

Perchè un post per massaggi vulva-vagina? beh… magari uno dei miei amanti lo leggerà, o magari potrà far altro che bene a tante donne là fuori con le vagine torturate da mani inesperte o timide.

Una delle cose che noto maggiormente è che sia uomini che donne che incontro, spesso non smantrugiano la fica come piacerebbe a me. Sono veramente pochi quelli che mi hanno dato subito piacere, a cui non ho dovuto dire “non sono un flipper” o far notare che il glande del clitoride è meglio che sia bagnato altrimenti sono stelle. La norma è inserire un dito o due, senza far molto caso a dove strusciano le unghie, quindi stantuffare con le dita tese e ‘ndo cojo cojo, o quelli che non sono in grado e vogliono “a forza” far squirtare una donna e manco hanno pensato di aprire gugol maps per geolocalizzare il punto G.
Questo poi credo che porti a non aver segni di gradimento da parte della donna, quindi che il messaggio sia “ah, non le piacciono le mani” oppure “sono un* gran sfigat*” oppure ancora “le mani non servono a molto per far godere una donna, inutile provarci”.
Facendo un calcolo approssimativo, solo un 10% dei miei amanti è stato mediamente bravino con le mani, pochi quelli proprio bravi.

LOrigine-du-monde

Ogni tanto mi chiedo se non sia anche che si pensi che la fica sia bagnata, sporca, quindi non la si tocca. Però no, perchè non risponderebbe al fatto che veramente pochi mettono una mano proprio sopra, anche da sopra i vestiti. Eppure agli uomini le palpate del cazzo piacciono sempre, perchè alla donna non dovrebbero piacere? Non esistono solo le tette!! Palpate anche il resto!

Così come quando si fa un handjob coi fiocchi si usa un bel po’ di lubrificante, stessa cosa vale per vulva/vagina. Non vale la frase “tanto si bagna per conto suo”, perchè non sempre la si trova già in versione “laghetto”, oppure possono non essere abbastanza per coprire anche il monte di Venere o perchè con un bel po’ di lubrificazione può andare molto meglio. Si può anche usare l’olio di mandorle/riso/oliva, basta che dopo non dobbiate usare un preservativo o dei sextoys, entrambi si rovinano con gli oli vegetali e minerali.
Per rendere le cose più interessanti si possono usare anche creme stimolanti, di solito a base di arginina, che aumentano le sensazioni e il piacere. Il mio preferito resta ancora Pioggia d’amore, sto sperimentando altre cremine ma per ora non lo batte nessuna!

Oltre a massaggi su tutto il corpo, soprattutto nelle zone erogene di quella donna, quando si vuole fare un bel handjob al femminile, non ci si deve dimenticare del monte di venere, del culo, della vulva in toto, del punto A, dell’ano…
Solitamente le attenzioni vengono date al glande del clitoride e alla vagina, dimenticandosi del resto. Nei video ci sono vari passaggi interessanti che mostrano come ci si può approcciare a massaggiare queste zone. Per inserire le dita dentro iniziare sempre da una, con il palmo della mano rivolto verso il clitoride e il dito morbido e un po’ arquato, con la prima falange un po’ piegata per non strusciare l’unghia sulla parete vaginale, e seguendo la parete che comunica con l’ano per interderci. In questo modo il dito entra delicatamente e non lo si sente come fastidioso, stessi movimenti quando si introdurranno due dita. Questo per iniziare e per far comprendere alla vagina che può rilassarsi e aprirsi per i giochi successivi.

Una cosa che spesso da fastidio è quando le dita entrano dentro rigide sena seguire le curve della vagina e quando si inizia un po’ a seccare. Se i movimenti sono leggermente fastidiosi la vagina si trasforma presto in un un deserto.
Per comprendere le forme basta andare piano, e soprattutto osservare e ascoltare la donna, dai mugolii/movimenti verso le vostre mani (o per scappare dalle vostre mani) potete capire se la cosa piace o meno.

Chi massaggia si può mettere in mezzo alle gambe, di fianco seduto o sdraiato, oppure seduto dietro.

Massaggio vagina

I punti che si possono andare a stimolare sono  il punto G, i punti profondi, la spugna perianale, l’entrata vaginale…per un ripasso tornate a leggere questo articolo!
Il movimento delle dita può essere:

  • dentro / fuori, ma con un po’ di grazia e seguendo le curve
  • con lievi movimenti di pressione, sia disegnando dei cerchi che su/giù, soprattutto per il punto G e per il punto A e il punto profondo
  • con il classico movimento delle dita per dire “vieni vieni” (nei punti come sopra)
  • usando 1/2 /3 dita e ruotando tutta la mano, come per sentire con i polpastrelli tutta la circonferenza. In base alla profondità della pressione dei polpastrelli si potranno stimolare varie zone (entrata vaginale, spugna perianale, punto G…)
  • con 1/2/3 dita dentro e il palmo appoggiato sul glande del clitoride e senza staccarlo da lui, muovere il polso, a un estremo aumenterà la penetrazione e all’altro la pressione e sfregamento sul clitoride
  • quando si hanno le dita dentro il pollice può stimolare il glande del clitoride o il punto U
  • se si introduce il pollice in vagina, con le altre dita si possono stimolare o il clitoride o l’ano, in base a come è messa la mano
  • usare la mano libera per stimolare il monte di Venere o il clitoride

imagestECNICA-2-EIACULAZIONE-FEMMINILE-SQUIRTING


 

 

 

 

 

Massaggiare il culo , sia nelle donne che negli uomini, stimola indirettamente la clitoride (o il cazzo) e tutta la vulva. Questo perchè il pavimento pelvico è una complesso insieme di muscoli interconnessi, e massaggiando i glutei -soprattutto in prossimità dell’ano o dell’attaccatura delle grandi labbra -piega della coscia-, si va a stiracchiare tutto il resto. Oltre a essere una zona molto sensibile e piacevole se accarezzata!

L’ano può essere massaggiato anche lui! esternamente disegnando cerchietti, o con un movimento che va dall’ano alla entrata della vagina passando sopra la spugna perianale, accennando a entrare quindi stimolando solo lo sfintere, oppure arrivando a entrare con una o due falangi dentro che potranno essere mosse dentro/fuori oppure roteandole.

Questo video mi piace molto, comprende bene sia una parte di massaggio generico sul corpo che non è da sottovalutare, accarezzando le zone erogene “periferiche” si possono ottenere gran bei risultati, e poi mostra nei dettagli come massaggiare la vulva e anche un po’ la vagina


Vaginal stimulation offered by pornjam.com

All’inizio del 4 minuto inizia a massaggiare il monte di Venere. Quella mossa con il palmo aperto che copre il monte di venere e parte della vulva, schiacciando il glande del clitoride ancora ricoperto dalle grandi labbra, è una stimolazione molto piacevole perchè intensa e delicata allo stesso tempo. Muovendo la mano senza staccarla dalla pelle di lei, si preme su tutta la zona questo porta sia a stimoalre direttamente il glande del clitoride che i rami profondi, ma anche una stimolazione diretta perchè stiracchiando il monte di venere si portano in tensione i vari legamenti e quindi si stiracchia anche il clitoride e le piccole labbra.


Advanced Yoni (Vagina) Massage

I prossimi due video sembrano simili ma hanno delle differenze. Nel primo il massaggio è dedicato maggiormente alla vulva e al pube, mentre nel secondo si focalizza di più sulla vagina.

3 Commenti

  1. The Cunnilinguist

    Articolo interessante ed illuminante.
    In effetti non è affatto semplice riuscire a dare piacere ad una donna usando le dita.
    Se sono diventato un cunnilinguista, puntando tutto sul cunnilingus quindi, è proprio perché non mi è mai entrata in testa la tecnica del ditalino: dopo che un’amante molto esigente mi ha fratturato indice e medio della mano destra, ho intuito che era meglio provare altro…

Dicci la tua